Vai direttamente al contenuto

SBS

Sardinia Bibliographic Services

Sardinia Bibliographic Services
     
  
Forgotten your password?
Subscribe now!

Lo straniero che è in noi

sulle tracce dell´Unheimliche
Lo straniero che è in noi - Giorgio Rimondi, et al., Cuec Editrice (2006)

Sulla scorta dell´intuizione freudiana il libro esamina la vicenda del perturbante lungo il corso del ‘900 e fino ad oggi.

Author/s Giorgio Rimondi
et al.
By Giorgio Rimondi
Publisher Cuec Editrice
Edition Cagliari, April 2006
Pages 164
Series University press / letteratura, n° 11
Genre Non-fiction
Format Paper 
Price € 15,00
Introduction Giorgio Rimondi
Release language Italian

  Further details

The work

In un saggio del 1919, intitolato Das Unheimliche, Freud analizza il termine tedesco heimlich a partire dalla radice Heim, che significa casa, verificando come nell´uso esso assuma significati diversi e talvolta contrastanti. Tale ambivalenza si moltiplica nel negativo un-heimlich, che in italiano viene tradotto con l´aggettivo perturbante. Alludendo a un senso di pericolo collegato al nostro esistere, collegato ai temi della casa e dell´abitare, il perturbante ci mostra i fantasmi che popolano quella casa e inquietano il nostro abitare, segnalando così l´estraneità che alberga al cuore stesso della nostra identità. Perurbante è dunque la nostra soggettività in quanto mancante di ogni garanzia, corrosa da un´irriducibile alterità che la destabilizza mentre la costituisce.
Sulla scorta dell´intuizione freudiana il libro esamina la vicenda del perturbante lungo il corso del ‘900 e fino ad oggi, seguendo le tracce di un concetto che tende a configurarsi come il vero paradigma della condizione moderna e postmoderna.

Contributi di
Adone Brandalise, Annarosa Buttarelli, Massimo Carboni, Monica Farnetti, Marco Focchi, Gian Pietro Storari.

 
Top of page   Stampa Print this page   Condividi Share
Sardinia Bibliographic Services
 
  The work