Vai direttamente al contenuto

SBS

Servitzios Bibliograficos Sardos

Servitzios Bibliograficos Sardos
     
  
Password ismentigada?
Abònadi como!

I biondi capelli della sposa



I biondi capelli della sposa - Guido Pallotti, La Riflessione Davide Zedda Editore (2011)

Autore/es Guido Pallotti
Editore La Riflessione Davide Zedda Editore
Editzione Cagliari, 2011
Pàginas 288
Genia Narrativa
Suportu Pabìru 
Prèsu € 18,00
Limba de publicatzione Italianu

  Àteros piessignos

S'òpera

Il cadavere di una donna anziana, che apparentemente ha voluto morire, viene trovato a Genova, sulla spianata degli Erzelli, all´interno di un vecchio container in disuso. È l´ultima indagine del dottor Erminio Duedenari, commissario al posto di P.S. di Cornigliano, prima di tornare, per tener fede a una promessa votiva, fatta nel corso dei cinque anni trascorsi nella Legione straniera, "a far sbiancare le sue vecchie ossa dal sole d´Africa". Sembrerebbe un caso di suicidio anomalo, se non fosse che, il primo giorno del terzo millennio, la donna trovata morta, Rosaria Esposito, era misteriosamente scomparsa, a Mosca, assieme al suo compagno Folco, celebre chirurgo, e a Zdena, la bella slovacca, paraplegica, che avevano accompagnato nella capitale russa perché si facesse operare in una clinica clandestina. Il commissario aveva indagato su quello stesso container, molti anni prima, quando Luke, il figlio di Zdena, vi era stato segregato, insieme ad altri bambini, costretti all´accattonaggio da dei malavitosi dell´est Europa. La trama coinvolge i caroggi del centro storico genovese, da Porta di Vacca a via San Lorenzo, con un bizzarro personaggio, Jimmy lo Schitta, equilibratore degli stessi vicoli, figlio di una ex prostituta e di tutti i soldati della 92a Divisione Buffalo, al quale ha fatto da padre Romilda, la convivente di sua madre. In appendice al romanzo, sono narrate le storie di tutti gli altri personaggi coinvolti nell´indagine.

 
Cumintzu de pàgina   Stampa Imprenta custa pàgina   Condividi Cundividi
Servitzios Bibliograficos Sardos
 
  S'òpera