Vai direttamente al contenuto

SBS

Servizi Bibliografici Sardegna

Servizi Bibliografici Sardegna
     
  
Password dimenticata?
Abbonati ora!

Il passato nell´Ammentos degli studenti

Rassegna stampa | La Nuova Sardegna | Gio, 29 Maggio 2008
BONO. Alla conclusione dell´anno scolastico vede la luce il volume ´Ammentos´, dove i ragazzi dell´istituto di istruzione superiore ´Angioy´ hanno raccolto le ulteriori conoscenze acquisite nell´ambito dell´omonimo progetto di studio. L´esperienza, avviata lo scorso anno, è finalizzata a riscoprire la memoria storico-culturale ed economica del Goceano attraverso preziose foto d´epoca. Un particolare reso possibile dalla collaborazione alla ricerca offerta da Anacleto Zidda.
L´erede della famiglia che a fine Ottocento aveva introdotto la fotografia nel territorio. ´Il rapporto costante con le loro famiglie, con gli anziani, depositari della memoria storica, con le associazioni culturali e con il comune di Bono, spiega nella prefazione il professor Tonino Dettori, docente referente dell´iniziativa, ha consentito di riscoprire, attraverso le fotografie in bianco e nero, ambienti, personaggi, abitudini, costumi, l´economia, le tradizioni civili e religiose, la storia, gli aspetti urbanistici di periodi più o meno lontani. L´uso continuo della lingua logudorese, utilizzata a livello orale e scritto, ha rafforzato la preparazione linguistica degli studenti, e ha contribuito alla luce molti termini riferiti a oggetti e pratiche ormai in disuso´. L´abbondante e prezioso materiale raccolto e ordinato dai ventuno alunni delle classi prima e terza Igea e prima liceo scientifico, coadiuvato, oltre che da Zidda e Dettori, dal professor Giangiuseppe Nurra, proviene in massima parte da fotografi ambulanti che spostandosi di paese in paese a piedi o a dorso d´asino hanno scattato delle immagini che oggi costituiscono l´unica testimonianza della vita quotidiana del territorio. Nello studio gli alunni hanno compiuto delle visite guidate nel centro storico di Bono per fotografare lo stato attuale dei rioni con lo scopo di confrontarlo con quello del passato, ma hanno rivissuto anche occasioni di festa e brandelli di vita quotidiana ormai sbiaditi nel tempo. ´Con il progetto Ammentos, afferma Anacleto Zidda, si è cercato di caratterizzare la fotografia come testo, come fonte storico-documentaria, per ricostruire in modo plastico ed evidente uno spaccato storico, culturale, ambientale e antropologico. Le diapositive hanno avuto la capacità di fermare l´attimo fuggente e di custodire inalterata nel tempo l´immagine di avvenimenti e personaggi. Questa raccolta di foto ha un valore testuale e documentale e ha un messaggio da trasmettere: essa contiene frammenti, schegge della memoria della nostra identità storica e collettiva´. Grazie al contributo del geometra Mario Contini, nel volume è dedicato largo spazio anche ai toponimi, alla topografia, alla nascita dei centri e alla pianificazione urbanistica del Goceano. Il lavoro di studenti e docenti troverà giusto riscontro in una mostra fotografica permanente e nel volume appena pubblicato. ´Il nostro istituto, conclude il professor Dettori, ha voluto così rispondere alle domande e bisogni formativi degli studenti per stabilire un rapporto più stretto col territorio in cui essi vivono e per capirlo più profondamente´. (m.f.)


 
Inizio pagina   Stampa Stampa questa pagina   Condividi Condividi
Servizi Bibliografici Sardegna